domenica 30 ottobre 2022

RIMANDATO!!! Corso di Storia della Liturgia - 4a lezione

 ATTENZIONE! RIMANDATO A SABATO 12


Si informa che la prossima lezione del corso di Storia della Liturgia promosso da Traditio Marciana, dal titolo "Elementi di storia liturgica bizantina II", si terrà sabato 12 novembre alle ore 13:15, sempre presso lo Spazio Eventi della Toletta (Fondamenta da Borgo, Dorsoduro 1134).

domenica 2 ottobre 2022

Corso di Storia della Liturgia - 3° incontro

Si informa che la prossima lezione del corso di Storia della Liturgia promosso da Traditio Marciana, dal titolo "Elementi di storia liturgica bizantina", si terrà sabato 15 ottobre alle ore 13:15, sempre presso lo Spazio Eventi della Toletta (Fondamenta da Borgo, Dorsoduro 1134).

martedì 13 settembre 2022

La festa dell'Inizio dell'Indizione: un ufficio bizantino anomalo

1. Introduzione.

Il corrente mese di settembre è detto in sardo "cabudanni", cioè "capodanno". La ragione è naturalmente il fatto che, nell'Impero Romano, il 1° settembre segnava l'inizio dell'anno civile. Inizialmente, nella Roma arcaica, l'anno iniziava a marzo, come nella gran parte dell'Europa medievale e in molte altre culture dell'emisfero settentrionale, essendo l'inizio della primavera e della rinascita dell'anno: di ciò resta traccia nei nomi dei mesi ancor oggi impiegati ("settembre", ad esempio, è il settimo mese a partire da marzo, e così via...); successivamente fu portata al 1° gennaio, e infine, in età imperiale, al 23 settembre, giorno del compleanno di Augusto. Dal 23, per comodità, si spostò presto al 1° settembre, e tale situazione si mantenne per tutta la durata dell'Impero sino alla conquista di Costantinopoli da parte degli Ottomani, e fu adottata anche in Russia fino al 1669, quando lo zar Pietro il Grande volle adottare la costumanza occidentale moderna di principiare l'anno il 1° gennaio.

Dopo la cristianizzazione dell'Impero, fu adottata ufficialmente la cronologia di Dionigi il Piccolo, per cui il calcolo ufficiale degli anni fu effettuato a creatione mundi, che secondo i calcoli dionisiani avvenne 5509 anni prima della nascita di Cristo. Dunque, oggi 1° (14) settembre dell'anno 2022, secondo la cronologia imperiale principierebbe l'anno 5731. Il 1° settembre, oltre al capodanno, corrisponde pure al principio della indizione, ossia della sanzione legale da parte dell'Imperatore dell'inizio dell'anno fiscale all'interno del ciclo quindecennale istituito da Diocleziano. Col tempo l'indizione perse il significato fiscale, e rimase come mera indicazione cronologica: per esempio il 2022 era l'anno XV dell'indizione, il 2023 che inizia oggi è l'anno I della nuova indizione, il 2024 sarà l'anno II dell'indizione e via così...

Nel mondo bizantino, il 1° settembre fu naturalmente adottato anche come inizio dell'anno liturgico: infatti, i minei bizantini principiano proprio da settembre, laddove in Occidente il calendario del santorale inizia il 1° gennaio, secondo la data di "tradizione romana" che nell'Urbe non si era mai obliata nonostante l'ufficialità della data settembrina (l'anno liturgico occidentale, come abbiamo detto molte volte, non comincia in Avvento, checché credano molti "tradizionalisti"). Il calendario liturgico bizantino, peraltro, prevede una festa specifica che commemora tale inizio, annoverata come Ἀρχὴ ἰνδίκτου ("principio dell'indizione").

La natura "civile" di tale festa inserita nel santorale non deve stupire, considerati gli stretti legami tra società e liturgia nel mondo bizantino; essa è, peraltro, l'unica festa civile inserita nel ciclo liturgico sopravvissuta alla caduta di Costantinopoli, in quanto era celebrata universalmente. Nella Città si celebravano difatti altre ricorrenze di tale natura, dal compleanno dell'Imperatore alle memorie dei terremoti, le quali tuttavia si persero dopo la caduta. Forse proprio perché si tratta di una festa in fondo civile, lo status liturgico di questa festa nel mineo è assai anomalo.

Paolo Veronese, Gesù fra i dottori nel tempio, 1558, Museo del Prado (Madrid).
Nella pratica greca, un'icona di Cristo fra i dottori è sovente esposta in questo giorno; ovviamente, un'icona propria per questa ricorrenza non esiste, essendo una festa civile difficilmente raffigurabile in iconografia.


2. L'ufficio nel Mineo: il Vespro.

Anzitutto, occorre precisare che coincide con la memoria di san Simeone lo stilita "e della sua madre Marta" (così indica il mineo). Come spesso avviene per la commemorazione contemporanea di due feste, esse presentano un ufficio unico che combina parti delle due ricorrenze. Il mineo cita inoltre, in caratteri più piccoli, il santo martire Aitala, le sante quaranta donne martiri, il santo diacono Ammone coi suoi discepoli, i santi martiri fratelli Callisto, Evodo ed Ermogene, la sinassi della Madonna di Miasin (ritrovamento miracoloso di una icona della Madre di Dio nel monastero armeno di Miasin nell'864) e il giusto Giosuè. Essi sono menzionati all'inizio, e non nel martirologio, quindi almeno una parte dell'ufficio normalmente dovrebbe essere in loro commemorazione. L'intero ufficio è preceduto da una croce rossa, che nel linguaggio simbolico del mineo indica il rango di festa con polieleo, il secondo più alto, che potremmo dunque paragonare al semidoppio romano.

Essendo di tal rango, la rubrica correttamente indica di cantare il Beato l'uomo (salmi 1-3) al posto del salterio della feria corrente. Dipoi, al Signore, a Te ho gridato, prescrive di sostare per ben 10 versetti (il massimo numero possibile, ordinariamente riservato alle sole domeniche) per cantare altrettante stichire. Solo le prime 3 sono segnate come riferite all'Indizione, e sono da cantare in tono primo: la prima è una parafrasi di alcune petizioni del Padre Nostro, la seconda inneggia a Cristo che nascendo a Nazareth ha compiuta la legge e i profeti, mentre la terza, richiamando l'infedeltà degli Ebrei nel deserto, supplica Cristo di disperdere "secondo il salmo" le ossa degli "infedeli e perfidi agareni". Il tema dell'anno nuovo, come si vede, non è strettamente presente, ma si tratta di stichire generiche d'invocazione a Cristo che dovevano comparire spesso negli uffici propri della Capitale; l'ultima, in particolare, ha un evidente legame con la situazione geopolitica del tempo nell'invocazione contro i musulmani ("agareni"), ma pure un accenno polemistico contro i giudei: curiosamente, difatti, la punizione dell'infedeltà d'Israele nel deserto è presentata come punizione attuale della presente miscredenza ebraica.

Le successive tre stichire sono di san Simeone, in tono quinto, e iniziano con "Venerabile padre", secondo il modello consueto delle stichire degli asceti. Seguono però, curiosamente, altre quattro stichire sempre di san Simeone, in tono secondo, automela (cioè, con melodia propria, non riferite a un qualche modello di tono stichirale); le ultime due portano l'indicazione degli autori, rispettivamente il monaco Cipriano e il patriarca Germano di Costantinopoli. Il Gloria, in tono sesto, ha una stichira di Germano in onore del santo asceta, mentre l'E ora ha una stichira di Bizantio sul medesimo tono, relativa all'Indizione e che finalmente menziona la "corona del nuovo anno" (locuzione presa dal salmo 64,11), chiedendo al Signore di benedirla.

Quindi, trattandosi di festa con polieleo e dunque di Vespro Grande, si prescrivono l'ingresso col turibolo e, dopo il prochimeno del giorno, le profezie vesperali, che curiosamente sono miste: le prime due infatti, tratte da Isaia LXI (il servo del Signore che annunzia l'annum Domini acceptabile) e dal Levitico XXVI (esortazione agl'Israeliti di serbar la legge del Signore, e minacce di castighi qualora ne deviino), sono "dell'Indizione", mentre la terza, tratta da Sapienza IV, è una consueta pericope che si legge al vespro degli asceti, è infatti è segnata per san Simeone.

Dopo le litanie, la sticologia è segnata come "dell'Indizione", ma presenta numerose stranezze. E' in tono primo ma automelo, ed è attribuita a Giovanni monaco. La prima stichira commemora contemporaneamente tutte le ricorrenze del giorno, aggiungendo anzi persino una menzione dei Sette Dormienti di Efeso, che probabilmente si commemoravano pure in questo giorno prima che la loro ricorrenza fosse fissata al 4 agosto:

E' giunto il principio dell'anno, che chiama a festeggiarlo gli splendenti Callisto, Evodo ed Ermogene, i fratelli atleti di Cristo, e Simeone pari agli angeli, Giosuè figlio di Nave, i sette fanciulli [dormienti] in Efeso, e il coro a quaranta fiaccole delle sante donne: prendendo parte alla memoria, o amici della festa, gridiamo ardentemente: Signore, benedici l'opera delle tue mani, e rendici degni di trascorrere in modo proficuo il periodo dell'anno.

Dopo il primo stico, una seconda stichira generica chiede di benedire "la corona dell'anno"; al terzo stico, il tono muta in secondo, e una terza estesa stichira dal gusto teologico, attribuita a Cipriano monaco, magnifica il Signore per donarci gli anni utili alla nostra salvezza. Contro l'abitudinale numero ternario delle stichire festive, il mineo prescrive una quarta stichira, attribuita al Damasceno, che appare come una iterazione concettuale della seconda. Il Gloria è del santo in tono quinto, mentre l'E ora, sempre di Giovanni monaco, è relativo all'indizione, e invoca Iddio perché doni vittoria sui "barbari senza Dio, come un tempo la desti a Davide", poiché Egli è "vittoria e lode degli ortodossi".

Gli apolytikia sono tre: dell'indizione (nuovamente si chiede al Signore "che ha stabilito gli anni e le stagioni nella sua potenza" di benedire la corona dell'anno), di san Simeone, e un teotochio proprio sullo stesso tono primo del tropario del santo.

3. L'ufficio nel Mineo: il Mattutino, le Ore e la Liturgia.

Se fin qui si è celebrato un normale Vespro Grande di una festa con polieleo, da un punto di vista rituale, pur con numerose stranezze eucologiche, decisamente curioso appare il Mattutino, che di fatto appare relativo a una festa con dossologia (un rango relativo a una festa semplice, che però ha il privilegio della Grande Dossologia festiva): infatti, il polieleo è esplicitamente previsto dalla rubrica solo "se la chiesa è intitolata a san Simeone", e in assenza di polieleo, naturalmente, non v'è nemmeno il Vangelo.

Quindi, dopo le sticologie (alla prima i catismi sono dell'indizione e di san Simeone, alla seconda dell'indizione e dei ss. Callisto e fratelli martiri), si passa direttamente al salmo 50 e ai tre canoni previsti dal tipico. Il primo, poema di Giovanni monaco, è relativo all'indizione, ed è fattivamente un inno di ringraziamento generico a Cristo, che richiama talora le tematiche delle stichire vesperali o delle paremie, oltre a chiedere ripetutamente e insistentemente di benedire il nuovo anno. Il secondo è in onore delle sante quaranta donne martiri, e il terzo - sempre attribuito a Giovanni monaco - per san Simeone. Le catavasie, ovviamente, sono quelle della santa Croce, che il tipico prescrive di cantarsi già da diversi giorni e fino alla ventura ottava dell'Esaltazione. Dopo la terza ode si legge il condacio dell'indizione e un catisma sempre ad essa relativa, quindi un catisma per san Simeone e uno per le sante martiri, concludendo con un teotochio proprio. Dopo la sesta ode, si legge il condacio di san Simeone col suo ikos.

Alla nona ode è premesso il Magnificat: essendo questo l'inizio del mineo, sono inserite a questo punto le rubriche generali sul modo di cantarlo e di accompagnarlo all'incensazione.

Alle lodi, vi sono due esapostilari dell'indizione intervallati da uno di san Simeone. Ai salmi laudativi si sosta per quattro versetti, e si cantano tre stichire automele dell'Indizione: la prima e la seconda sono di Giovnanni Monaco, rispettivamente in tono terzo e quarto, e ripetono ancora una volta il consueto tema della "corona dell'anno". La terza è di Andrea di Piro, e loda la magnificenza delle vie del Signore, senza però distaccarsi troppo dal tema predetto nel finale. La quarta stichira, invece, è delle sante martiri, ed è di Germano in tono secondo; sullo stesso tono si canta il Gloria per san Simeone, mentre l'E ora, composto da Germano, è in tono ottavo e in onore dell'anno nuovo. Come detto, l'ufficio si conclude con la Grande Dossologia.

Alle ore minori, infine, si leggono solo i tropari dell'Indizione e di san Simeone, col condacio alternativamente di una delle due ricorrenze, e così pure al Piccolo Ingresso della Liturgia, aggiunti ovviamente quelli del patrono del patrono del tempio (eccettoché questo sia dedicato a una festa del Signore) e il tropario proprio della Madonna già cantato alla fine del Vespro, da porsi qui subito dopo quello dell'indizione. Parimenti le stichire alle Beatutudini, i versetti del prochimeno, dell'alleluia e del communio, come pure le Epistole e i Vangeli sono dell'indizione e del santo, senza menzione delle altre odierne ricorrenze.

4. Conclusioni.

L'ufficio odierno, in definitiva, si presenta come multiforme e anomalo, a partire dal mutamento di rango tra Vespro e Mattutino. In esso rimangono evidenti tracce di una situazione in cui la festa principale di questo giorno era quella di san Simeone, che ad esempio primeggia nel numero di stichire vesperali, ha una paremia propria, indicazioni per l'eventuale celebrazione con grado festivo maggiore, e soprattutto ha il condacio posto dopo la VI ode del Canone, che è proprio della celebrazione principale di un dato giorno, laddove l'Indizione ha il condacio dopo la III, come fosse semplice commemorazione. Essendo però l'Indizione considerata festa del Signore, ha diversi privilegi di posizione in tutta l'ufficiatura, quantunque i suoi testi non brillino per originalità e varietà. Alcune delle altre, invero numerose, memorie del giorno, anziché essere portate a Compeita come spesso accade, sono mescolate all'interno del Mattutino (i ss. Callisto e fratelli mm. addirittura con una singola menzione nel catisma della II sticologia), se si eccettua la loro menzione in una stichira della sticologia vesperale (segnata però come "dell'Indizione", e certo testimoniante una situazione antica in cui anche i Sette Dormienti erano festeggiati al 1° settembre, poi spostati per ridurre questo palese accumulo). Giosuè è peraltro menzionato solo in questa stichira, mentre Ammone è nominato solo nel terzo tropario dell'ottava ode del canone delle donne martiri, e di Aitala non v'è alcuna menzione al di fuori del sinassario.

L'eucologio, inoltre, prevede in questo giorno preghiere speciali di benedizione dell'aria, dei campi e dell'acqua. 

E' da notare che la Chiesa Russa segue fedelmente le indicazioni del Grande Tipico e del mineo, laddove le chiese che hanno adottato la riforma di Violakis (quelle ellenofone e la Chiesa Romena) hanno apportato alcune inopportune variazioni: per esempio, nel tipico greco, le stichire vesperali dell'Indizione sono 4 (la prima viene infatti doppiata), mentre le stichire di san Simeone sono ridotte a 6 omettendo la prima. La terza paremia può essere scelta tra tre: una per san Simeone, una per le sante donne martiri, e una per la Madonna di Miasin. Nel mineo greco è presente una litia ad libitum con stichire per le sante donne martiri, laddove il mineo romeno del 1914 prevede una litia per l'indizione: in ambo i casi, non trattandosi di una festa con veglia (doppia), si tratta di un frutto della corrotta prassi violakisiana che, abolendo la celebrazione della veglia di tutta la notte, ha slegato la litia dal suo significato storico. Alla sticologia mattutinale si leggono solo i catismi dell'indizione, omettendo quelli dei santi, e si aggiunge il polieleo per "normalizzare" il grado della festa: il tipico greco avvisa però dell'assenza di Vangelo, laddove quello romeno introduce una lettura da Luca 6. Rimangono i tre canoni, ma il condacio dell'indizione è spostato dopo la sesta ode e dotato di un ikos, laddove il condacio e l'ikos del santo sono spostati dopo la terza ode (e segnati in parentesi quadre, quindi omettibili nelle parrocchie). Avendo la riforma di Violakis abolito le doppie letture e i doppi versetti alla Liturgia, questi tutti si leggono dell'Indizione.

Corso di Storia della Liturgia - AGGIORNAMENTO

Venerdì 9 settembre, presso lo Spazio Eventi della libreria Toletta, si è tenuto il primo incontro del corso di liturgia organizzato da Traditio Marciana. La lezione è stata partecipata da un buon numero di interessati provenienti dalla città di Venezia, dalla campagna e finanche dalle regioni attigue.



La successiva lezione, dal titolo "Elementi di storia liturgica romana II: da Trento al Vaticano II" si terrà sabato 1° ottobre alle ore 13:15, sempre presso lo Spazio Eventi della Toletta (Fondamenta da Borgo, Dorsoduro 1134).

lunedì 5 settembre 2022

Corso di formazione in Storia della Liturgia - AGGIORNAMENTO

 Si avvisa che la lezione introduttiva del Corso in Storia della Liturgia, "Elementi di storia liturgica romana" si terrà

VENERDI' 9 SETTEMBRE
alle ore 19.30

(non alle 18.30 come precedentemente comunicato)

presso lo Spazio Eventi "Toletta"
in Fondamenta da Borgo, Dorsoduro 1134 - VENEZIA



giovedì 1 settembre 2022

L'epitaffio di Dombercht

 di Luca Farina

Il seguente epitaffio fu pubblicato per la prima volta da Wilmanns (Rheinisches Museum, N.F., 23, p. 404), per essere poi inserito da Duemmler (Poetae I 19) nell’appendice ai testi di Bonifacio. Si è scelto proprio di collocarlo nella sezione dedicata all’apostolo della Germania poiché non si sa praticamente nulla del defunto, tale Dombercht, se non che, come recitano i versi, era discepolo di Bonifacio e proveniva dall’Inghilterra. È possibile postulare che egli avesse una buona formazione culturale e un incarico pastorale di rilievo, molto probabilmente era un vescovo.

L’analisi dello stile ha suggerito l’ipotesi secondo la quale il testo sarebbe stato composto da un allievo di Pietro da Pisa. Forse si tratta quindi di un esercizio letterario, dal momento che l’epitaffio si conclude con una frase in prosa che potrebbe sembrare una preghiera per chiedere a Dio la liberazione dai peccati, mentre invece chiede una “salvezza filologica”, di poter cioè preservare il testo dagli errori. Del resto, il codice che lo contiene (Vat. Pal. Lat. 1753) presenta, oltre a codesto epitaffio, opere di carattere grammaticale e metrico come il trattato De pedum regulis di Aldelmo di Malmesbury[1]. Segue il testo con le note che indicano i loci paralleli e le varianti testuali, la traduzione e il commento.

Funereo textu scribuntur facta priorum[2],

ut discat vanas linquere quisque vias.

Sed non est flendus, studuit qui vivere Christo[3],

et mundi toto temnere corde[4] mala.

Et si forte cupis nomen meritumque sepulti

Discere, tu poteris magna[5] viator amans.

Hac iacet egregius nivea sub mole sacerdos

Qui meritis caeli vivit in arce[6] suis,

Eloquio fulgens, sacro cognomine dictus

Dombercht, qui mundi clara lucerna fuit[7].

Grammaticae studio, metrorum legibus aptus,

Plurima percutiens funere corda suo

Occidit et nobis fletus gemitusque reliquit,

Quos hic culparum[8] poena dolorque tenent.

Hic rabiem mortis calcavit morte minantis

Pergens luciflui[9] laetus ad astra poli[10].

Lumen erat patriae[11], sapientia maxima gentis,

Perfundens sancta turbida corda[12] fide,

Inlaesum vigilans domini servavit ovile,

Pestiferi extinguens toxica saeva[13] lupi.

Pauperibus largo praebebat munera[14] dono

Ostendens gregibus pabula pulchra dei.

Artibus et meritis fulgens Bonifatius almus,

Pro Christo gladiis qui sua membra dedit[15],

Hunc magno studio docuit, nutrivit[16], amavit,

Complens quod sonuit vatis in ore pium.

Francorum ad patriam tremulas venere per undas

Anglorum pelagi germine de nitido[17].

Praesul oves domini multos sine sorde[18] per annos[19]

Rexit et aeternae carpsit iter[20] patriae.

Hac venerandus humo voluit requiescere, poscens

Ut nullus violet, quod tenet ipse solum.

Hic, populi, sanctum precibus pulsate[21] iacentem,

Ut precibus solvat vincula vestra suis

Et foveat semper, quos vivens semper amavit,

Et quos hic docuit, clarus ad astra levet.

Rogo te, domine pater, ut emendes[22] et corrigas.

Traduzione: Le imprese di coloro che sono venuti prima di noi sono messe per iscritto in un’epigrafe funebre, perché ciascuno impari a lasciare le strade della vanità. Ma non deve essere oggetto di pianto chi si premurò di vivere per Cristo e di disprezzare di tutto cuore i mali del mondo. Se forse tu desideri conoscere il nome e i meriti del defunto lo potrai fare, pellegrino che ami le cose grandi. Giace dentro questo bianco sepolcro il nobile sacerdote, che ora vive, grazie ai propri meriti, nella rocca del cielo; fulgido per eloquenza, chiamato col sacro appellativo di Dombercht, che fu una splendida lampada del mondo. Perito nello studio della grammatica e nelle leggi della metrica, straziando con la sua morte moltissimi cuori, è morto e ha lasciato lacrime e gemiti a noi che pena e dolore per le colpe trattengono in questo mondo. Egli schiacciò con la morte la furia della minacciosa morte, ascendendo beato agli astri del cielo luminoso. Era luce per la sua patria, era la somma saggezza del suo popolo, irrorando con la santa fede i cuori afflitti, vigilando conservò illeso l’ovile del Signore, estinguendo il terribile veleno del lupo mortifero. Offriva doni ai poveri con mano generosa, mostrando al gregge di Dio i bei pascoli. Il santo Bonifacio – illustre per scienza e meriti – che consegnò per Cristo il suo corpo al martirio, lo istruì con grande impegno, lo nutrì e lo amò; colmandolo di ciò che nella bocca del poeta è detto pio. Entrambi giunsero nel territorio dei Franchi attraverso le tremule onde del mare provenendo dalla splendida patria inglese. Come vescovo governò le pecorelle del Signore per molti anni senza macchia e si guadagnò la strada per la vita eterna. Venerabile, volle riposare in questa terra chiedendo che nessuno potesse violare quel suolo che ora egli tiene. O genti, bussate con le vostre preghiere al santo che è qui sepolto affinché lui, con le sue preghiere, sciolga le vostre catene e favorisca sempre coloro che amò in vita e, glorioso, conduca in cielo coloro che istruì.

Ti prego, o Signore e Padre, di emendare e correggere.

Commento: Anzitutto, l’autore dimostra di conoscere correttamente la scansione metrica: eccezion fatta per la parola metrorum, resa con la prima sillaba lunga anziché breve, non vi sono infrazioni prosodiche. Il poeta dimostra di saper utilizzare in maniera intelligente le tessere che gli provenivano dalla tradizione. Certamente non mancano le citazioni “di maniera”, cioè quelle dei grandi classici come Virgilio, Ovidio e Lucano; ciò non deve stupire o essere considerato indice di scarsa originalità poiché ampie porzioni dei testi classici erano imparate a memoria nelle scuole e riaffioravano, in maniera più o meno cosciente, nella mente degli scriventi.

Il nostro autore, inoltre, pare conoscere molto bene la poesia cristiana: Giovenco, Prudenzio, Eugenio di Toledo, Venanzio Fortunato e Paolino di Nola in modo particolare.

Sono poi numerosi i punti di contatto tra questo epitaffio e quello per Pietro I, vescovo di Pavia, che possono essere così riassunti:

Epitaffio di Dombercht

Epitaffio di Pietro I

Funereo textu scribuntur facta priorum

Candida funereo sculpuntur marmore gesta

Sed non est flendus

Sed non est flendus

Vivere Christo

Vivere Christo

Eloquio fulgens

Nobilis alloquio

Oves Domini…rexit

Rexit ovile Dei

Nobis fletus gemitusque reliquit

Nos tantum gemitus retinent

 

Forse l’autore ha composto l’epitaffio per Dombercht avendo davanti a sé l’epigrafe del vescovo pavese oppure aveva in mano una sua trascrizione: un discreto numero di riprese è difficilmente casuale.

Se il poeta appartiene alla cerchia degli allievi di Pietro di Pisa (le cui tessere sono saggiamente inserite) bisogna ricercare elementi della tradizione franca: vanno quindi in tal senso i riferimenti a Sidonio Apollinare, nobile lionese del V secolo che divenne poi vescovo dell’Alvernia e ad Alcimo Avito, anch’egli nobile, vissuto tra V e VI secolo, proveniente dall’Alvernia e poi arcivescovo di Vienne. Più strettamente legati al tema funebre sono i riferimenti agli epitaffi di Rotaide e Aggiardo.

Infine non vanno trascurati i riferimenti scritturali: al libro di Gioele, dove toto corde è tratto da un brano penitenziale (Ioel. II 12-19)[23] e qui inserito per invitare a cambiare vita, disprezzando il peccato; il vangelo che insegna a bussare, cioè a pregare insistentemente. Si noti che nell’epitaffio non c’è alcuna richiesta di suffragio, si presume che il defunto sia già nella beatitudine e possa intercedere per il suo popolo. A mio avviso, non è da trascurare l’augurio multos per annos del verso 29: il sintagma è inserito in un verso che indica Dombercht come un praesul; è la formula, leggermente modificata (da Ad multos annos) che è prevista come augurio al termine delle consacrazioni episcopali, non in quelle sacerdotali o diaconali e neppure nelle benedizioni abbaziali. Pertanto, è possibile affermare con relativa sicurezza che colui che giace nella tomba era un vescovo, subito acclamato come santo dal gregge che amò e guidò con solerzia.



[1] Questo codice è infatti indicato come uno dei più importanti testimoni del trattato, si veda R. Leotta, Considerazioni sulla tradizione manoscritta del «De pedum regulis» di Aldelmo, «Giornale italiano di filologia», 32 (1980), pp. 119-134: 119.

[2] Facta priorum: cfr. Sidon. Carm. II 26.

[3] Vivere Christo: cfr. Paul. Nol. Carm. X 284; XXXI 499.

[4] Toto corde: cfr. Ioel. II 12; Ovid. Her. XIX 156; Paul. Nol. Carm. VII 5; XXI 372.

[5] Il manoscritto presenta la lezione magne, ma non si capisce perché dovrebbe appellarsi così il viandante, pur pio. Seguo la congettura di Willmans che propone un complemento oggetto di amans. Inoltre tu poteris magna riprende i carmi di Pietro di Pisa XVII 26.

[6] Vivit in arce: cfr. Pietro di Pisa Carm. XXI 8.

[7] Mundi clara lucerna fuit: cfr. Pietro di Pisa Carm. XVII 26.

[8] Culparum: è interessante notare che questo genitivo plurale (non così il suo nominativo) è presente esclusivamente nella poesia cristiana, nei versi di autori come Prudenzio, Eugenio di Toledo, Paolino di Perigueux, Ennodio e Draconzio.

[9] Lucifluus, -a, -um è aggettivo assente nella tradizione classica, compare in Prudenzio, Giovenco e Venanzio Fortunato.

[10] Astra poli: cfr. Prud. C. Symm. I 590; Paul. Nol Carm. XXVII 221; Drac. Satisf. 182; 233; Ven. Fort. Carm. I 9, 6.

[11] Lumen patriae: cfr. Alc. Avit. Carm. App. XV 2.

[12] Turbida corda: cfr. Prosp. Epigr. XXIX 9.

[13] Toxica saeva: cfr. Mart. Epigr. I 18, 6; X 36, 4.

[14] Praebabat munera: cfr. Iuvenc. Evang. II 8.

[15] Membra dedit: cfr. Hor. Sat. II 2, 81; Ovid. Am. I 6, 6; Eug. Tolet. Carm. XXI 22.

[16] Docuit, nutrivit: cfr. CLE MCDXXV 11 (epitaffio di Onorato di Vercelli); Pietro di Pisa Carm. XXXVIII 6.

[17] Sempre in iperbato, ma con excelso […] de germine nell’epitaffio di Rotaide di Paolo Diacono, v.2.

[18] Sine sorde: cfr. Ven. Fort. Carm. VIII 3, 321.

[19] Multos per annos: sempre con la forma in anastrofe cfr. Verg. Aen. I 31; Luc. Phars. V 472; CLE CXCI 5 (epitaffio del soldato Tito Vezzio); MCCCXXV 1 (epitaffio di Giulio, sposo di Trebia); richiama inoltre l’augurio liturgico usato nelle consacrazioni episcopali.

[20] Carpsit iter: cfr. epitaffio di Aggiardo, v. 18.

[21] Pulsate precibus: pur non essendovi queste parole il concetto è tratto da Lc XI 9. È poi un riferimento a Pietro di Pisa Carm. XVII 28.

[22] Il manoscritto presenta la lezione emendas, ma è chiaro che sia necessario un congiuntivo.

[23] Non è un caso che il brano di Ioel. II sia inserito da una versione del lezionario gallicano come lettura per la prima domenica di Quaresima. È possibile che la pericope fosse ormai diventata emblema dello spirito della μετάνοια richiesta al buon cristiano.


Ringrazio il prof. Marco Petoletti per aver fornito il materiale e lo spunto per il presente lavoro.

martedì 9 agosto 2022

Corso di formazione in Storia della Liturgia

 La nostra pagina è lieta di presentare la prima lezione del corso di formazione in Storia della Liturgia, dal titolo Elementi di storia liturgica romana.

L'evento si terrà il giorno 9 settembre 2022 alle 18.30 nel centro storico di Venezia. L'ingresso è a offerta libera.

La lezione sarà tenuta dal dott. Nicolò Ghigi, filologo bizantinista e ricercatore indipendente.

Tutti i lettori e gli amici della pagina sono invitati a partecipare. Per info e iscrizioni: traditiomarciana@gmail.com.



giovedì 14 luglio 2022

2 luglio - Visitatio B. Mariae Virg.

 

VISITATIO B. MARIÆ VIRGINIS


Duplex

In occasione della festa della Visitazione della Beata Vergine Maria pubblichiamo questo interessante ufficio.

AD VESPERAS


Antiphona 1

I

n splendoribus sanctorum refulget Maria, cujus utero geritur Christus sacerdos in æternum.

2     Excelsus Dominus habitare fecit sterilem in domo, matrem præcursoris Christi lætantem.

3     Lætata est virgo in his, quæ dicta sunt ab Angelo, et ascendit in montana.

4     Fructus ventris virginalis est hereditas sanctorum, adimplens bonorum desiderium.

5     Emisit verbum Maria, et liquefacta est anima Elizabeth, flante Spiritu Domini.

Capitulum                     Cant. 2        

S

urge, propera, amica mea, formosa mea, et veni, jam enim hiems transiit, imber abiit et recessit, flores apparuerunt in terra: surge amica mea, speciosa mea, et veni.

Hymnus.

P

ange lingua gloriosæ
diei præconium
in qua matris generosæ
mundo fulget gaudium
perferentis copiosæ
salutis donarium.

Nobis datus et formatus
in electa virgine
per infantem honoratus
ventre clausum fœminæ
novi lucem incolatus
grato pandit ordine.

Ab Angelo salutata
in montana properat
præsens adest cum cognata
quæ mirans considerat
cur tam honorificata
Mater ad se venerat.

Decorata virtutibus
et Christi præsentia
dulcisona fert auribus
sterilis præconia
quæ clamans altis vocibus
respondet magnalia.

O quam felix et jocunda
est hæc visitatio
Elisabeth lætabunda
exsultat cum filio
dum fatur virgo fecunda
candidato lilio

Sempiternæ Trinitati
laus perennis gloriæ
quae sanctarum dignitati
tantum dedit gratiæ
nos ascribat civitati
cælitum et patriae.
Amen.

℣. Benedicta tu in mulieribus. ℟. Et benedictus fructus ventris tui.

Ad Magn. Ant. O quam suavis est spiritus Mariæ exultans in Deo salutari suo, dum anima ejus magnificat Dominum, qui fecit sibi magna, respiciens humilitatem ancillæ suæ: Ecce enim ex hoc beatam dicunt eam omnes generationes.

O

Oratio.
mnipotens sempitérne Deus, ui mysterium incarnationis Filii tui ab Angelo nuntiatum in visitatione Beatæ Mariæ per exultationem Johannis in utero et exclamationem matris eius Elizabeth amplius manifestare dignatus es, concede propitius, ut assidua visitatione tua consolemur et a cunctis periculis eruamur. Per eũdem.

Et fit comm. præcedentis; deinde Oct.; deinde Ss. Processi et Martiniani.

AD MATUTINUM

Ad Invitatorium ant. Salvatorem adoremus, qui cognatis matribus * dedit exultantibus gratiæ dulcedinem.

Hymnus.

S

acris solemniis dat Virgo gaudia

Novis eloquiis reserans labia,

Deum magnificat humilis et pia,

Quam gratia vivificat.

Festi recolitur dies laetissima,

Qua rite panditur salus uberrima,

Dudum veteribus per signa plurima

Sanctis ostensa patribus.

Post verbũ cœlicũ salubris foederis

Per os angelicum missum a superis,

Visitat proximam virgo prae ceteris

Se exhibens humillimam.

Rem admirabilem jam intellexerat,

Feminam sterilem, quae consenuerat,

Filium gerere, cui dignum duxerat

Laetam salutem promere.

Praecelsæ dominae dũ vox insonuit,

Interno lumine Johannes claruit,

Exsultat gaudio, sanctus qui meruit

Christum lavare fluvio.

Te trinũ Dñm unũque colimus,
Reginæ virginum meritis petimus:
Post vitæ terminũ duc nos, quo tendimus, Ad te datorem luminum. Amen.

In I Nocturno

Ant. 1. Quid est homo, quod ejus memor es Domine, visitans eum in utero?

2     In sole posuit tabernaculũ suũ, qui super montana luce clara effusit.

3     Ascendit in montem Domini mundissima corde et corpore Virgo mater regis virtutum et gloriæ.

℣. Ave Maria gratia plena. ℟. Dominus tecum.

Lectiones ut in Br. Rom.

℟. j. Dixit dominus ad Abraham: juxta condictum revertar ad te, et habebit Sarra filium, et quare risit dicens: * Numquid ego paritura sum anus? Numquid Deo est quidquam difficile? ℣. Mariæ respondens angelus dixit : Ecce Elizabeth cognata tua et ipsa concepit filium in senectte sua, quia non erit impossibile apud Deum omne verbum. Numquid.

℟. ij. Exurgens Maria abiit in montana cum festinatione in civitatem Juda: * Et intravit in domum Zacharie et salutavit Elizabeth. ℣. Os suum aperuit sapientiæ et lex clementiæ in ore ejus. Et.

℟. iij. Sumpsit Maria prophetissa soror Aaron tympanum egresseque sunt omnes mulieres post eam cum tympanis et choris, quibus precinebat dicens: * Cantemus domino, gloriose enim honorificatus est. ℣. Ait Maria Dei Genitrix: Magnificat anima mea Dominum, et exultavit spiritus meus in Deo salutari meo. Cantemus. Gloria. Cantemus.

In II Nocturno

Ant. 4. Audi filia et vide: concupivit decorem tuum rex dominus deus tuus.

5     Sanctificavit in Maria tabernaculum suum Altissimus.

6     In montibus sanctis gloriosa dicta sunt de te, Virgo civitas Dei.

℣. Respexit Dominus. ℟. Humilitatem ancillæ suæ.

Lectiones ut in Br. Rom.

℟. iv. Et factum est, ut audivit salutationem Mariæ Elizabeth: * Exultavit infans in utero ejus et repleta est Spiritu Sancto. ℣. Non enim habet amaritudinem conversatio illius nec tedium convictus eius, sed letitiam et gaudium. Exultavit.

℟. v. Adoravit Anna mater Samuelis et ait: Exultavit cor meum in Domino et exaltatũ est cor meum in Deo meo: * Non est sanctus, ut est dominus, et non est fortis sicut Deus noster. ℣. Confitetur Domino mater Jesu dicens: Fecit mihi magna qui potens est, et sanctum nomen ejus. Non est.

℟. vj. Elisabeth exclamavit voce magna dicens : Benedicta tu inter mulieres et benedictus fructus ventris tui. * Et unde hoc ut veniat mater domini mei ad me? ℣. Venerunt mihi omnia bona pariter cum illa innumerabilis honestas per manum illius. Et. Gloria. Et.

In III Nocturno

Ant. 4. Annuntiate salutare Domini in quo exultavit spiritus virginis.

5     Lux orta est puero in maternis visceribus clauso, et rectis corde lætitia.

6     Notum fecit dominus salutare suum, dum Maria visitavit Elizabeth.

V

℣. Beata quæ credidisti. ℟. Perficientur in te quæ dicta sunt.

Lectiones ut in Br. Rom.

℟. vij. Habitavit archa domini in domo Obethedon Gethei tribus mensibus: * Et benedixit Dominus illum et omnem domum ejus propter archam Dei. ℣. Mansit autem Maria cum Elizabeth quasi tribus mensibus in domo Zacharie. Et.

℟. viij. Curremus in odorem unguentorum tuorum: introduxit me rex in cellaria sua, exsultabimus et lætabimur in te: * Nardus mea dedit odorem suavitatis. ℣. Abiit Maria cum festinatione et exultans in Deo ait: respexit dominus humilitatem ancille sue. Nardus. Gloria. Nardus.

Post ix. lectionem, Te Deum.

Ad Laudes

Antiphona 1

T

estimonia divinorũ mirabiliũ in visitatone Mariæ claruerunt.

2     In conspectu Domini exultatione repletus est Joannes clausus matris utero.

3     Illuminet vultum suum super nos, qui suum illustravit precursorem.

4     Sancti et humiles benedicant Deũ, qui respexit humilitatem ancillæ suæ.

5     Cantate domino in ecclesia sanctorum, filie Sion exultent in rege suo.

Hymnus.

V erbum supernum prodiens
A fonte vivi luminis,
Homo factus est oriens
Intra uterum virginis.

Mox florens Jesse virgula
Progreditur a Nazareth,
Festinat Christi gerula
Ut videat Elisabeth.

Ferre salutem incipit,
Hanc sentit infra viscera,
Et jam ventura percipit,
Qui nondum vidit aëra.

Mater senior prædicat
Gestricem verbi cœlici,
Lilia junior explicat
Opus regis magnifici.

Haec quasi tribus mensibus
Durat sanctarum concio,
In canticis suavibus
Gratulans Dei filio.

Uni trinoque gloriam
Laetis psallamus cordibus,
Qui benigne det venia
Mariæ servitoribus.
Amen.

℣. Benedicta tu in mulieribus. ℟. Et benedictus fructus ventris tui.

Ad Bened. Ant. Tu puer propheta Altissimi vocaberis, preibis enim ante faciem domini, parare vias ejus ad danda scientiam salutis plebi eius in remissionem peccatorum eorum per viscera misericordie Dei nostri, qui te in matris utero visitavit et sanctificavit.

Oratio ut in Vesperis. Comm. de Octava App. et de Ss. Processo et Martiniano.

IN II VESPERIS

Omnia ut in I Vesperis, præter sequentem antiphonam.

Ad Magnif. Ant. Magna est misericordia Domini a progenie in progenies timentibus eum, que hodie clarius effulget, dum virgo salvatorem, sterilis precurorem maternis gestantes uteris glorificaverunt Deum in mirabilibus suis. Postquam autem mansit Maria cum Elizabeth quasi tribus mensibus, reversas est in domum suam.

Et fit comm. sequentis festi S. Heliodori Ep., deinde S. Irenæi Ep. et Mart., deinde Octavæ App., deinde Translationis S. Joannis Alexandrini.


 

Si noti come gli inni siano riscritture degli omonimi testi eucaristici: Pange lingua ai Vespri, Sacris solemniis al Mattutino e Verbum supernum prodiens ai Vespri.

Particolarmente pregevoli sono i Responsori, che evidenziano i parallelismi tra Antico e Nuovo Testamento.